Insultano una madre che ha perso una figlia: la loro umanità è sepolta da tempo...




Oggi i profili facebook dei genitori di Tamara sono stati chiusi. In 48 ore si sono riversati sulle loro pagine frasi terribili.



Claudia Sarritzu

Anche in Occidente lapidiamo. Pietre su chi è già sottoterra. Giudichiamo tutti e tutto sui social. Anche una povera madre a cui una distrazione ha spezzato la vita cancellando quella della sua creatura.

Io non posso dire che a me non sarebbe capitato. Probabilmente mi capiterebbe. Sì. Perché la mia vita è una interminabile distrazione. Perché spesso passeggio per strada e mi scordo dove sto andando, entro in doccia e mi passo anche tre volte il sapone perché non mi ricordo se l'ho fatto, perché dimentico appuntamenti anche con persone che amo, perché faccio sempre le stesse strade anche quando quel giorno devo andare fuori città. 
Bisogna fornirsi nelle auto di sistemi che prevengano queste tragedie, non fare i genitori perfetti su facebook quando capita agli altri.

Due giorni fa una donna di 38 anni, Ilaria Naldini stava andando a lavoro, prima doveva portare la figlia all'asilo ma quel giorno il suo cervello, forse per lo stress, le ha fatto il più crudele degli scherzi: credeva di aver accompagnato la sua creatura come ogni santo giorno a scuola ma quel dannato giorno l'ha lasciata in auto, al sole, per sei ore d'ufficio con i finestrini chiusi. La piccolina che ha solo 16 mesi è morta in un parcheggio davanti al municipio dove lavora la madre. Non una donna pazza, strana, disagiata. Una qualunque. Una come noi, normale. La vita ha voluto spezzarla e noi chi siamo per giudicare un dolore simile. Più bruciante della semplice morte di un figlio. 

Oggi i profili facebook dei genitori di Tamara sono stati chiusi. Da oggi non sono più accessibili né il profilo della mamma, Ilaria Naldini, indagata per omicidio colposo, né del padre, Adriano Rossi. In 48 ore, insieme a tanti messaggi di vicinanza, solidarietà e cordoglio, infatti, altrettanti messaggi si sono riversati sulle loro pagine con frasi offensive. Nonostante ciò, sui social si sono scatenati commenti che hanno preso di mira donne omonime della madre residente a Terranuova Bracciolini (Arezzo), in Valdarno, costrette a loro volta a protestare contro le offese ricevute.

Dove è finita l'umanità? 

Cerco di immedesimarmi nel dolore di questa donna. Ma è impossibile. E penso a una cosa. In Sardegna a Desulo (un paese del Mandrolisai) quando una madre perdeva suo figlio non indossava il vestito nero come segno di lutto, quello era per la morte del marito. Lo indossava al contrario. Sì avete capito bene, al rovescio. Perché seppellire un figlio va contro l'ordine naturale delle cose. Per Ilaria Naldini non basterebbero neppure le cuciture in bella vista. 

E' iniziato un ergastolo di dolore e senso di colpa che noi dovremmo solo attenuare con il silenzio o parole di conforto. E invece l'umanità da social infierisce su chi è già morto. Su chi da defunto è costretto ancora a respirare. 

Se fossi credente pregherei per te Ilaria, ma siccome non lo sono posso dirti solo una cosa: la tua dimenticanza non ti rende un mostro. E' la vita che è spesso mostruosa e le persone che scagliano pietre senza avere pietà...

(Globalist)

Commenti

Cinzia Lercara ha detto…
Non condanno queste povere famiglie ma mi unisco al loro immenso dolore. Facciamo una vita troppo frenetica ed anche a me capita di dimenticare il tragitto che devo fare o altri impegni. Ho due bimbe di 9 e 4 anni. Vivo questo terrore di dimenticarle in auto da quando è nata la prima. Io e mio marito da 9 anni, dopo averle accompagnate a scuola/nido per recarci al lavoro, ci mandiamo subito un sms. Non nego che a volte è capitato di dimenticarci il sms ma subito dopo chi non aveva il compito di accompagnarle chiama subito l'altro per accertarsi che è tutto ok. Smettiamola, quindi di fare i perbenisti del cavolo e cerchiamo con silenzio e rispetto di condividere il dolore di questi poveri genitori a cui una fatale distrazione ha strappato la cosa più importante che avevano.
rosmarie moliterni ha detto…
anche a me,svolgendo due lavori differenti ed in giorni alterni,è capitato di sbagliare luogo e giorno ... non condanno assolutamente questa madre, per lei non sarà facile continuare a vivere con questo enorme peso... colpa di questa vita troppo frenetica e colma di stress ... prego per lei e per la sua bimba... che possano ritrovare un pò di pace!!!
rosmarie moliterni ha detto…
anche a me,svolgendo due lavori differenti ed in giorni alterni,è capitato di sbagliare luogo e giorno ... non condanno assolutamente questa madre, per lei non sarà facile continuare a vivere con questo enorme peso... colpa di questa vita troppo frenetica e colma di stress ... prego per lei e per la sua bimba... che possano ritrovare un pò di pace!!!
Unknown ha detto…
Certi sbagli portano a conseguenze terribili ed imperdonabili; quella donna soffrirà tutta la vita per il suo sbaglio? Forse. Se lo merita? Di sicuro. Nutro un briciolo di pietà nei suoi confronti? No. Il 99,9% delle madri riescono a non far morire un figlio (gli andrà di culo?) per tanto non capisco il perché si debba giustificare quanto questa madre ha fatto. Non era semplicemente adatta a fare da madre, un conto è dimenticare di comperare la carta igienica un altro è dimenticare una bambina in auto che avrà patito pene inimmaginabili fino alla morte. La cosa preoccupante è tentare di giustificare l'accaduto, sai abbiamo tante cose per la testa, viviamo una vita piena di impegni, frenetica, e si è dimenticata, capita...ma per favore! "Può capitare a tutti di sbagliare" forse si è persa un po' la misura, sbagliare si, di ammazzare non capita a tutti; io ne ho fatti a centinaia di errori ma non sono mai arrivato nemmeno vicino ad ammazzare una persona...scusami ma nel contesto è una affermazione agghiacciante...classificare il fatto come se fosse un banale errore è troppo superficiale.
Simone Marini ha detto…
Certi sbagli portano a conseguenze terribili ed imperdonabili; quella donna soffrirà tutta la vita per il suo sbaglio? Forse. Se lo merita? Di sicuro. Nutro un briciolo di pietà nei suoi confronti? No. Il 99,9% delle madri riescono a non far morire un figlio (gli andrà di culo?) per tanto non capisco il perché si debba giustificare quanto questa madre ha fatto. Non era semplicemente adatta a fare da madre, un conto è dimenticare di comperare la carta igienica un altro è dimenticare una bambina in auto che avrà patito pene inimmaginabili fino alla morte. La cosa preoccupante è tentare di giustificare l'accaduto, sai abbiamo tante cose per la testa, viviamo una vita piena di impegni, frenetica, e si è dimenticata, capita...ma per favore! "Può capitare a tutti di sbagliare" forse si è persa un po' la misura, sbagliare si, di ammazzare non capita a tutti; io ne ho fatti a centinaia di errori ma non sono mai arrivato nemmeno vicino ad ammazzare una persona. "Può capitare a tutti di sbagliare"...scusami ma nel contesto è una affermazione agghiacciante...classificare il fatto come se fosse un banale errore è troppo superficiale.
Bubukri ha detto…
Ti auguro veramente non ti accada mai! Davvero! Buona vita!
Maria Fox ha detto…
Come si può giudicare affrettatamente una donna che si trova in una situazione come questa? Come si può non immedesimarsi nella sua tragedia? Non è la prima volta che capita a noi umani. Perchè siamo esseri umani con una mente che, a volte, è sopraffatta dal logoramento o da altre circostanze cui non avremmo mai assolutamente pensato, non noi. No io, diciamo. Anch'io ti auguro che mai tu possa andare incontro ad una simile atrocità di vita.
Angelo Pasetto ha detto…
Peccato che tu non abbia il coraggio di mettere il tuo nome...
Loreto Michele ha detto…
Il giudizio è una condanna a cui l'umanità non sa sottrarsi, anche quando appare più giusto il conforto per la drammaticità del destino che segna le nostre vite. I pensieri primitivi e selvaggi esistono, indipendentemente dai social che danno loro esistenza verbale, per assenza di empatia ma anche per il terrore del propio mondo interiore sconosciuto. Un esorcismo patologico che nulla ha in comune con la misericordia.
Sá Sa ha detto…
Si chiama amnesia transitoria dissociativa: quella che ti fa lasciare il portafoglio a casa quando ricordi perfettamente persino i gesti con i quali lo hai messo in borsa, per cui sei convinta che te l'hanno sfilato dalla borsa... mai successo? O del non ritrovare la tua auto parcheggiata in una zona dove vai sempre, perché ricordi benissimo dove l'hai lasciata (e invece è da tutt'altra parte)… avete presente?
Si tratta di un black out del cervello che va in overload di informazione mentre sta facendo una serie di step, di azioni che vengono compiute in automatismo e che si fanno tutti i giorni allo stesso modo.
Il black out, durante il quale continui in automatico a guidare, parlare al telefono e pensare alle incombenze di cui devi ricordarti, ti fa saltare uno step, e purtroppo quando "va via la luce" ciò che viene oscurato non è la cosa meno importante, è a caso, così come uno sbalzo di corrente può colpire un televisore o il polmone d'acciaio che fa respirare un malato. Non sceglie.
Questo tipo di amnesia non dura 4 ore ma pochi minuti, però frammenta la realtà. Non è che il genitore tira dritto senza lasciare il bambino al nido, e poi per 4 ore si dimentica questo evento: il fatto di aver tirato dritto proprio non viene registrato dalla mente, per cui si "presume" di averlo lasciato al nido e, se si esce di corsa senza voltarsi, convinti che l'auto sia vuota, ecco che scatta la tragedia.
La convinzione di aver fatto l’azione mancata è assoluta. Come per il portafoglio o l’auto parcheggiata, la mente riempie i vuoti con falsi ricordi, inserendo nello spazio di back-out una sequenza identica avvenuta cento volte nei giorni precedenti.
Questa funzione “filler” della mente è sempre presente e il più delle volte è funzionale, perché ci aiuta a percepire continuità laddove c’è un inceppamento nel tessuto percettivo. E’ così che leggiamo un testo pieno di refusi senza vederli, o capiamo una telefonata anche se la voce va e viene, o vediamo un’immagine continua anche se abbiamo il parabrezza velato dalle gocce di pioggia. La mente cerca coerenza e, se non la trova, la ricostruisce.
E così si scopre l’errore magari 4 ore dopo, nella pausa pranzo. E a volte è troppo tardi. (Segue)
Sá Sa ha detto…
Chi giudica, in cuor suo ha una reazione immediata: impossibile!! Ma come fanno a dimenticare un figlio? A me non può succedere: sono troppo amorevole, troppo presente, troppo attenta, troppo ansiosa per dimenticarmene.
Un maggiore realismo e una maggiore umiltà potrebbero salvare vite… forse le vostre o quelle dei vostri figli. Pensare che invece può succedere anche a noi, è come pensare che una finestra aperta e una sedia messa vicino possono essere un pericolo mortale anche nelle migliori famiglie. Non si nasconde la testa sotto la sabbia, si mettono i fermi di sicurezza alle finestre, si allacciano le cinture, si coprono le prese elettriche.
Quello di cui si ha bisogno non è un meccanismo di negazione, recitare il mantra "a me non succede": si ha bisogno invece di sistemi sicuri per prevenire. Nel caso del bimbo nel seggiolino significa mettere, ad esempio, oggetti personali propri indispensabili (come borsa, cellulare ecc) vicino al bambino, in modo che uscendo dalla macchina devi per forza guardare in quella direzione.
Basterebbe poi rendere obbligatorio un sistema di allarme incorporato nella chiusura del seggiolino, che suona nel momento in cui a motore spento si chiude la macchina a inbragatura allacciata. Hanno appena modificato le norme dei seggiolini introducendo caratteristiche nuove di sicurezza, ma perché mai non hanno pensato anche a questa?.
Parlare di genitori “omicidi” o “negligenti” significa unirsi al coro di condanna che essi già sentono, e sentiranno ogni minuto della loro vita, nei loro cuori. E comunque, sì, anche gli assassini hanno diritto alla pietà, e no, basta con le mamme (e i papà) da cui si pretendono i miracoli mentre la società intorno a loro non dà il supporto minimo per permettere loro di fare, semplicemente, i genitori, mentre si caricano di un peso così gravoso da mandarli in tilt. E poi si punta anche il dito contro. Tutti leoni da tastiera! Piuttosto, che questi tragici eventi ci rendano umili, ci facciano fermare a guardare noi stessi: quanti di noi mettono il casco o la cintura o allacciano il seggiolino, per noi e i nostri figli, fosse anche per fare cento metri? E anche si fosse senza peccato, perché lanciare pietre? (A.S. psicologa)
elio ha detto…
Sono assolutamente d'accordo.Rifiuto categoricamente che un genitore, mamma o papà che sia,venga massacrato in questo modo.Le dimenticanze, che fanno parte del sistema della vita, fatalmente cadano talvolta su cose estremamente più importanti.Io curerei di confortare i genitori che, sono sicuro,darebbero la aloro stessa vita pur di riavere in vita il loro piccolo.Una carica di affetto ai genitoriper per i quali io ho tutta la comprensione.
Unknown ha detto…
Siccome sono convinta che prima o poi succederà ancora una tragedia come questa ,spero che la prossima volta sia tu l
assassino. E che ti ammazzerai per il senso di colpa.e chi si ricorderà il tuo nome non proverà in briciolo di dispiacere per te .Federica
Laura Torresan ha detto…
Chi l'ha condannata non è degno di essere chiamato essere umano.
A.B. ha detto…
La vigliaccheria non mette mai la faccia
A.B. ha detto…
Fatti curare da uno bravo..molto bravo.Alessandra Buonasera
Manu51 ha detto…
Povera persona. Come mi fai pietà. Tu che dall'alto delle tue sicurezze e con arroganza ti permetti di giudicare chi deve affrontare una disgrazia simile. A parte qualche caso patologico sono convinta che nessuna madre si auguri di veder morire il proprio figlio, a nessuna età. Scendi dal tuo sgabello e mettiti con il cuore al posto di chi si trova in situazioni difficili, ma attento......scendendo potresti cadere rovinosamente e non trovare nessuno che ti tende una mano.
Manu51 ha detto…
Il mio commento precedente è indirizzato a Simone marini
Anna Piccolo ha detto…
Povera bimba ê terribile e povera madre che dovra vivere con un macigno sul cuore
diego botta ha detto…
Povera madre???? Ma stiamo scherzando??? Io non sono genitore ma ho 2 animali e nella mia vita ne ho sempre avuti... Mai e poi mai mi sono dimenticato di curarmi di loro!!
L'umanità sta nell'essere obiettivi... Se non sono in grado di gestire un figlio, non lo concepisco...
Se me ne rendo conto dopo, chiedo aiuto...
Non cerco di fare il super eroe con la vita altrui...
Posso concepire qualsiasi tipo di cazzata nella vita ( io per primo ne ho fatte un miliardo ) ma mai e poi mai posso perdonare una madre ( mi sembra fin azzardato chiamarla così ) che dimentica un figlio...
zita sgrevi ha detto…
Quello di non mettere nome e cognome gia' dice tutto..........
lele ha detto…
Rileggi 5 e 6 commenti sopra, Leone da tastiera.

AIUTIAMO I BAMBINI DELLA SCUOLA DI AL HIKMA

Post più popolari

facebook