Venezuela, leader opposizione torna ai domiciliari: e Maduro accusa il Vaticano...




Rimossa la procuratrice Ortega. Usa: decisione "illegale"



(askanews) – Leopoldo Lopez, uno dei leader dell’opposizione in Venezuela, è stato fatto uscire di prigione e consegnato agli arresti domiciliari a Caracas: lo ha annunciato la moglie Lilian Tintori. “Siamo ancora più convinti e fermi nella nostra intenzione di portare la pace e la libertà in Venezuela”, ha scritto Tintori su Twitter. Una dozzina di auto con agenti del servizio di intelligence del Venezuela, il Sebin, si trova davanti alla casa di Lopez in un quartiere a Est della capitale. Venerdì scorso era stato consegnato ai domiciliari l’altro leader di opposizione arrestato con Ortega, il sindaco di Caracas Antonio Ledezma.
Intanto il presidente Nicolas Maduro, in un’intervista a un’emittente argentina, ha accusato il Vaticano, in particolare nella persona del suo segretario di Stato Parolin, di essere “caduto nelle mani dei settori più estremisti del vertice della Chiesa cattolica venezuelana. “Una cosa è il percorso compiuto dal Papa come difensore dei popoli, grazie alla sua umiltà, altra cosa ben diversa è invece la struttura della segreteria di Stato vaticana e della burocrazia”, ha commentato il capo dello Stato. La Santa Sede aveva chiesto a tutti gli attori politici, ed in particolare al Governo, di assicurare il pieno rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, nonché della vigente Costituzione, evitando o sospendendo le iniziative in corso come la nuova Costituente.
Intanto ieri la nuova Assemblea costituente del Venezuela, dai poteri illimitati, ha messo a segno un grosso colpo all’inizio dei lavori rimuovendo dalle sue funzioni la procuratrice generale Luisa Ortega, uno dei principali avversari del presidente socialista Nicolas Maduro. La decisione di destituire Ortega è stata condannata come “illegale” dal dipartimento di Stato americano.
La procuratrice aveva fatto sapere poco prima ai giornalisti che delle unità della Guardia nazionale bolivariana (Gnb) che avevano preso posizione intorno agli uffici della Procura generale nel centro di Caracas, le avevano impedito di accedervi. “E’ una dittatura!” aveca denunciato. “Non soltanto arrestano la gente arbitrariamente ma la fanno processare dalla magistratura militare e adesso non lasciano entrare la procuratrice generale nel suo ufficio”. Ortega ha promesso di continuare “a lottare per la libertà e la democrazia in Venezuela”...

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari