Genitori stanno organizzando il funerale della loro bambina di 10 anni, malata di cancro, quando all’improvviso lei apre gli occhi e dice queste 6 parole…






Per la maggior parte della sua vita, Abby Furko ha vissuto combattendo contro il cancro. Aveva solo 4 anni, quando i dottori le hanno diagnosticato la malattia. Hanno detto che le possibilità di recupero erano solo del 20%.
“Siamo stati sopraffatti dal dolore, ci hanno detto che sarebbe morta”, ha dichiarato la madre di Abby, Patty Furko.
Nei sei anni successivi, la famiglia ha fatto tutto il possibile per aiutare Abby e darle la possibilità di avere una vita meravigliosa. La bimba ha subito un trapianto di midollo osseo, chemioterapia intensiva e radioterapia. I genitori hanno anche dato il consenso per l’utilizzo di un farmaco sperimentale durante il trattamento.
“Ogni giorno, abbiamo cercato di dare ad Abby tutte le cure possibili e circondarla di affetto, perché avrebbe potuto lasciarci in ogni momento. In alcune occasioni temevamo che non si sarebbe svegliata il giorno successivo. Tutto quello che potevamo fare era guardarla combattere e provare a star meglio”, ha detto sua madre.
Nell’ottobre del 2013, la famiglia ha visto un barlume di speranza. Per un intero anno, la bimba ha potuto godere delle gioie dell’infanzia. Ha studiato a scuola, giocato a calcio e fatto parte degli scout. La felicità però, purtroppo, non è durata a lungo. Un anno dopo, il cancro è ritornato. Ed era anche più aggressivo che in precedenza. “È diventata completamente immobile, qualunque movimento le provocava dolore e parlava a malapena”.
Nel Febbraio del 2015, Abby ha dovuto subire un altro trapianto di midollo osseo, ma solo 15 giorni dopo, i dottori hanno scoperto che il midollo del donatore aveva incominciato ad attaccare il corpo. Si parla, in questo caso, di rigetto dell’organo del donatore.
Il mese successivo, i reni di Abby hanno cominciato a cedere. È stata trasferita in terapia intensiva e i dottori hanno comunicato ai genitori che, se avessero interrotto la dialisi, Abby sarebbe morta in meno di 48 ore.
“I dottori ci hanno comunicato che era giunto il momento di dire addio. Abby rimaneva sveglia solo un’ora e mezza al giorno e dovevamo lasciarla andare. Abbiamo cominciato a preparare i membri della famiglia alla sua morte”, ha confessato la madre della bambina. La sorella di Abby le stava accanto, i nonni sono venuti a portare i loro saluti finali alla loro nipotina. Dopo di che, sono iniziati i preparativi per il funerale.
Improvvisamente, la famiglia, devastata dal dolore, ha assistito ad un vero e proprio miracolo: Abby si è svegliata e ha iniziato a parlare! “Ho ancora così tanto da vivere”, ha bisbigliato.
È difficile da credere, ma Abby ha realmente iniziato a stare meglio. Col tempo, è diventata più forte e ha iniziato a camminare. I dottori non sono riusciti a spiegare questo fenomeno, ma tutti sono enormemente felici! Meno medicine venivano somministrate alla bambina, più velocemente sembrava riprendersi.
Ora Abby è in uno stato di remissione e prende 4 steroidi due volte al giorno. La prognosi per il suo futuro resta incerta, ma l’intera famiglia sa di dover cercare di godere al massimo del presente. Hanno visto la loro bambina morire e tornare in vita. Ora, possono solo sperare per il meglio!
                                 
(Fabiosa)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari