Nessuna aggressione da un uomo di colore: il capotreno si è inventato tutto...




L'uomo si era inventato tutto, smascherato dalla polizia. Ora è accusato di simulazione di reato e calunnia



Non c'è mai stata l'aggressione sulla linea ferroviaria di Trenord Piacenza-Milano denunciata da un capotreno che sosteneva di essere stato aggredito e accoltellato la mattina di mercoledì 19 luglio da un uomo di colore. Lo ha riferito l'agenzia Ansa.
La procura di Lodi ha chiuso le indagini in pochi giorni e ha accusato l'uomo di calunna e simulazione di reato. I rilievi della polizia scientifica e l'analisi delle telecamere di videosorveglianza hanno permesso agli inquirenti di escludere un episodio del genere.
In seguito alla denunciata aggressione lunedì era stato indetto uno sciopero di quattro ore, al quale aveva aderito il 100% del personale di Trenord e che aveva comportato la soppressione di alcuni Tilo.

Ancora ricordiamo la posizione del leader della lega Matteo Salvini che si era subito schierato contro il capotreno "aggredito" scrivendo questo parole sulla sua pagina fb: "Gli chiede il biglietto, l’altro lo accoltella con violenza mirando all’addome. Ora è in fuga… Solidarietà al controllore e a tutti coloro che lavorando su treni, autobus e metropolitane ormai ogni giorno rischiano la pelle. VI PARE NORMALE? Gli italiani sono STANCHI di farsi mettere i piedi in testa da questi delinquenti. Per quanto mi riguarda, quando saremo al governo, #tolleranzazero e #stopinvasione, senza se e senza ma!"...



(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari