La febbre gialla spaventa il Brasile, salgono a 1300 i casi...




Si aggrava il bilancio dei morti per il virus trasmesso dalla puntura di zanzara che preoccupa Rio.



Salgono a 1294 i casi di Febbre Gialla segnalati dalle autorità brasiliane, di cui 623 confermati. A fornire i dati aggiornati al 12 aprile 2017 è Epicentro, portale dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che ricorda come la vaccinazione sia raccomandata ai viaggiatori in partenza verso le aree a rischio di trasmissione.

In Brasile, da dicembre 2016, è in corso un focolaio di febbre gialla che coinvolge numerosi Stati (Mineras Gerais, Espirito Santo, Rio de Janeiro, San Paolo, Parà). Si tratta di un'infezione virale che provoca febbre emorragica.

Il virus viene trasmesso alle persone tramite la puntura di zanzare, principalmente Aedes aegypti, che in Brasile sono maggiormente attive da dicembre a luglio. Finora cinque Paesi hanno segnalato casi sospetti di febbre gialla: Bolivia (1), Colombia (1), Equador (1), Perù (9) e Suriname (1). Per ora il rischio di trasmissione nei Paesi Ue è molto basso: quattro sono casi segnalati negli ultimi 8 mesi tra persone di rientro dal Sud America. Ma per evitare il diffondersi del contagio, l'Organizzazione mondiale della sanità Oms), ricorda che viaggiatori diretti nelle aree a rischio devono effettuare la vaccinazione almeno 10 giorni prima della partenza.

Il vaccino può essere somministrato a partire dai 9 mesi di età e conferisce una protezione valida per tutta la vita. Si raccomanda inoltre di utilizzare repellenti cutanei, indossare abiti che coprano la maggior parte del corpo; soggiornare in stanze con zanzariere o con aria condizionata...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari