infolinks text ads

infolinks

Accusato di aver bestemmiato: linciato dai compagni di università...




E' stato ucciso in Pakistan con colpi di pistola alla testa ed al torace e poi una folla di giovani si è accanita sul suo cadavere a colpi di bastone.



In Pakistan uno studente di giornalismo è stato ucciso oggi a colpi d'arma da fuoco nell'Università 'Abdul Wali Khan' di Mardan, provincia nord-occidentale di Khyber Pakhtunkhwa, da compagni che lo hanno accusato di blasfemia. 

Nella sua pagina online il giornale ha precisato che la vittima si chiamava Mashal Khan e che, secondo la testimonianza del fratello, è stato ucciso con colpi di pistola a bruciapelo alla testa ed al torace. A quanto risulta la folla di giovani si è quindi accanita sul suo cadavere a colpi di bastone.

Nei disordini avvenuti in seguito all'omicidio, altri cinque studenti sono rimasti feriti, mentre la polizia, intervenuta successivamente, ha arrestato 35 persone. L'università, nel frattempo, è stata chiusa a tempo indeterminato.

Non si conosce il contenuto dell'accusa di blasfemia rivolta alla vittima, ma il Pakistan ha in questo ambito una delle leggi più dure e allo stesso tempo permissive di tutto il mondo islamico, prevedendo una facile applicazione della pena di morte anche sulla base di semplici testimonianze, senza prove...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari