Ancora orrore a Mosul: l'Isis crocifigge e uccide quattro presunte spie...




Mentre continua l'avanzata di peshmerga e esercito iracheno lo Stato Islamico raddoppia le brutalità

                                                              Un prigioniero mentre sta per essere giustiziato dell'Isis



Globalist lo ha detto ieri: nell'area di Mosul - in particolare nella zona di Tal Afar - lo Stato Islamico sta raddoppiando la barbarie nei confronti delle persone sospettate, a torto o a ragione, di collaborare con i peshmerga o con le forze della coalizione dell'Isis.
Così dopo aver diffuso un video in cui si vedevano 4 bambini (cuccioli del Califfato)  uccidere quattro presunte spie e dopo aver diffuso le immagini di un gay ucciso dopo essere stato lanciato da un tetto, il centro media di Al-Jazirah (da non confondere con al-jazeerah) ha diffuso le immagini della crocifissione e dell'uccisione con un colpo di pistola in testa di altre quattro presunte spie.
Lo Stato Islamico, fino in fondo, cerca di incutere terrore nella popolazione. E i metodi sono sempre gli stessi: i più brutali.



(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA