Cinque revolverate hanno ucciso Marielle Franco, nera, lesbica e paladina dei diritti civili...


Consigliera del Partido Socialismo e Libertade, Marielle è stata uccisa mercoledì mattina. Su twitter accusata di coinvolgimento la Polizia Federale brasiliana.


Mercoledì mattina Rio de Janeiro si è paralizzata, quando lungo il traffico della rua Joaquim Palhares l’auto con a bordo Marielle Franco, notissima militante per i diritti umani in Brasile, consigliera del Partido Socialismo e Libertade eletta con 46mila voti e volto nuovo della politica brasiliana, viene attaccata da tre, forse quattro sicari che sparano cinque colpi contro l’auto, uccidendo Marielle e l’autista, Anderson Pedro Gomes. Non ci sono dubbi: si tratta di un’esecuzione.

Il Brasile si ferma, perché Marielle era nota e molto amata: meticcia, lesbica, madre a soli 19 anni, laureata in pubblica amministrazione e specializzata nelle Upp, le Unità di pacificazione create ai tempi di Lula e la Rousseff all’interno delle favelas di Rio. Le favelas che lei conosceva bene e di cui denunciava le condizioni inumane e gli abusi della polizia. L’ultima accusa pochi giorni prima della morte, quando aveva rivelato che la polizia era entrata nella favela di Acari, a nord di Rio, e aveva freddato cinque ragazzi. “Dobbiamo raccontare al mondo cosa sta accadendo ad Acari” aveva scritto su Facebook la consigliera, “dobbiamo gridare e far sapere a tutti l’azione brutale e selvaggia della polizia”.

Parole pesanti, cui ne erano seguite altre: “la polizia sta terrorizzando e stuprando i residenti delle favela. Hanno ucciso e gettato due uomini in un burrone, la situazione sta peggiorando” aveva scritto Marielle prima di morire.

Marielle si batteva da anni per i diritti dei residenti delle favelas e combatteva per impedire che il controverso decreto che prevede l’affidamento della pubblica sicurezza all’esercito diventasse legge. La sua morte è simile a quella di Patricia Acioly, del 2011, “uccisa sempre dalla polizia militare” scrive su twitter Luiz Eduardo Soares, specialista in sicurezza pubblica.

In Brasile, si respira aria di guerra. L’attentato a Marielle arriva subito dopo quello a Sérgio de Almeida Nascimiento, ambientalista dell’Amazzonia brasiliana, che da anni si batteva per i diritti delle popolazioni indigene, che era diventato famoso per aver denunciato una perdita di rifiuti tossici da una diga della miniera gestita dalla Hydro Alunorte, la multinazionale norvegese più grande produttrice di alluminio al mondo. Secondo i commentatori, anche nell’esecuzione di Nascimiento è implicata la Polizia federale...

(Globalist)

Commenti

AIUTIAMO I BAMBINI DELLA SCUOLA DI AL HIKMA

facebook