Niente banchi, sedie e lavagna: la scuola nella polvere dei rifugiati Rohingya...



Nella giornata mondiale del rifugiato una storia della minortanza musulmana del Myanmar perseguitata in patria e fuori

                                                            Una scuola dei rifugiati Rohingya in India



Non ci sono banchi, non ci sono pareti, non ci sono sedie e non c'è la lavagna. Stuoie in terra e qualche libro o quaderno.
Intorno polvere, fragili baracche dove vivere e tanta miseria.
Siamo a Jammu in India, in una "scuola" organizzata per i bambini rifugiati dell'etnia Rohingya.
A fronte della persecuzione che hanno subito e continuano a subire nel Myanmar (la Birmania) migliaia appartenenti alla minoranza musulmana del paese sono fuggiti in India negli ultimi anni. 
Per loro non si intravede un futuro: nel loro paese sono discriminati; negli altri malamente tollerati e senza prospettive.
La giornata mondiale del rifugiato è un tentativo per far capire che drammi come questo ce ne sono tantissimi nel mondo...

(Globalist)



Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari