Ius soli, don Albanesi: cari ragazzi nati in Italia, la storia è con voi...




Il presidente della Comunità di Capodarco: non vi meravigliate della sceneggiata al Senato



Una lettera che andrebbe letta in tutte le scuole: "Carissime e carissimi ragazze e ragazzi nati in Italia da genitori stranieri, fortunatamente pochi di voi hanno visto la discussione al Senato della Repubblica sulla nuova legge per il riconoscimento della cittadinanza italiana". Si apre così una lettera aperta di monsignor Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco ai ragazzi nati in Italia da genitori stranieri. "Siate pazienti - è l'esortazione -: avete dalla vostra parte la storia. Domani sarete benedetti perché potrete lavorare e così contribuirete alla ricchezza della nostra Italia, aiutando a pagare tasse e le pensioni ai nostri e ai vostri nonni. Succede sempre così".
Monsignor Albanesi invita i ragazzi ad essere bravi studenti e ad integrarsi: "il futuro dipende anche da voi", evitando di chiudersi "a riccio, perché sarebbero pericolosi gruppi contrapposti".
Il presidente della Comunità di Capodarco riassume "il succo della discussione" a Palazzo Madama: "non vi meravigliate della sceneggiata: siamo un po' impauriti, ma anche un po' furbi. Le nostre maestre vi accettano volentieri così da riempire le classi che, altrimenti scomparirebbero, come vi accettano le altre scuole e le Università. Siamo a corto di bambini e voi siete molto numerosi: alcuni vorrebbero lasciarvi a bagnomaria. Utili per mantenere giovane la popolazione, ma pur sempre mezzi cittadini".
Da qui l'invito alla pazienza: "voi che avete studiato la storia, sapete bene che gli antichi veneti provenivano dalla Paflagonia (nord della Turchia), gli antichi lombardi erano celti, i piemontesi sono stati invasi dai liguri e addirittura il popolo ligure sembra abbia avuto contatti con popolazioni africane. Celebri i normanni in Sicilia". "Fino a ieri abbiamo abitato in piccoli villaggi dove nascevamo e morivano - osserva -: accogliervi così numerosi impaurisce. Occorre tempo per abituarsi al villaggio globale. Le migrazioni di oggi sono tutte (o quasi) documentate, ma i popoli si sono sempre mossi e integrati". Infine il suggerimento ad essere "essere bravi studenti, ad integrarvi nella nostra/vostra Italia e non aver paura. Vi raccomandiamo di non chiudervi a riccio, perché sarebbero pericolosi gruppi contrapposti. Vi promettiamo di rispettarvi come voi vi impegnate a fare altrettanto. Come sarà il futuro - sottolinea don Vinicio - dipende anche da voi; noi non lo sappiamo e, oramai troppo grandi, lo seguiremo dal cielo"...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari