Google e Unhcr lanciano il sito per non dimenticare la Siria...




Searching for Syria è un portale che cerca di rispondere ad alcune domande su quello che da sei anni sta accadendo nel paese mediorientale attraverso foto, video e mappe



Arrivati al sesto anno di guerra civile siriana non mancano notizie che rendono il conflitto sempre più brutale. Un esempio recente è stata la scoperta di prigioni dove vengono compiute impiccagioni di massa e successivamente bruciati i cadaveri. Google e Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, hanno cercato di raccontare la tragedia siriana partendo dalle domande che si pongono le persone su internet rispetto a quanto sta succedendo nel paese. 

Da questa collaborazione è nato così il sito Searching for Syria . Un portale dove viene spiegata in modo semplice, attraverso brevi frasi, dati e dichiarazioni, la situazione attuale dello stato siriano e della sua popolazione, spesso costretta alla fuga. Un percorso che si sviluppa tramite alcune questioni specifiche.  

«Com’era la Siria prima della guerra? Dove si dirigono i rifugiati siriani? Come posso aiutarli?». Sono tre dei cinque capitoli in cui è suddiviso il sito che può essere navigato attraverso i numerosi contenuti multimediali. Mappe, foto, video, anche a 360 gradi e realizzati da droni, servono a dare un visione più completa possibile al lettore interessato. 

Google ha messo a disposizione questi materiali, mentre l’Unhcr ha fornito la maggior parte dei dati e delle storie personali raccontate sul portale. L’obiettivo principale di Searching for Syria rimane quello di rendere consapevoli le persone di quanto sta accadendo nel paese mediorientale, chiedendo supporto sia in termini economici che come diffusione delle informazioni...

(La Stampa)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari