Vietano il campo da calcio ai migranti: una questione di igiene...




Formalmente una decisione per il sospetto meningite di un bengalese



Non potranno più giocare a calcio i migranti della base di Conetta nel Veneziano. La richiesta è partita dai genitori di ragazzi che frequentano l’impianto sportivo di Pegolotte. Così la società sportiva ha deciso di non concedere più il campo ai migranti in attesa di essere sottoposti e esami e vaccinazioni. I papà e le mamme avevano minacciato di ritirare i loro figli se i migranti avessero utilizzato ancora gli spogliatoi del campo da calcio. "Una questione di igiene e sanità pubblica" avevano spiegato. Le decisioni erano state prese qualche giorno dopo la presenza di un caso di sospetta meningite su 19enne bengalese. Così due profughi tesserati con il Pegolotte non possono entrare in campo e un’altra intera squadra formata da migranti di Cona, partecipante a un campionato amatoriale non potranno più giocare sul campo di casa. Sul fronte della sicurezza da Cona partiranno altri 30 profughi: dopo il trasferimento a Bologna di un centinaio di loro in seguito agli incidenti all’interno del campo, una trentina di migranti sta lasciando il campo di Conetta mentre il prefetto, secondo il responsabile tecnico della base Simone Borile, starebbe cercando di bloccare l’arrivo da Catania di altri 50 migranti...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari