Donne al volante: una società di taxi pachistana sfida lo stereotipo maschile...



Si chiama Careem e ha già 7 donne alla guida. Un'iniziativa rara in un paese musulmano conservatore dove le donne rappresentano solo il 22% della forza lavoro.

                                        Una delle donne tassiste_ Aasia Abdul Aziz REUTERS/Akhtar Soomro



di Roberta Benvenuto

Zahra Ali, ha 30 anni. Ha sentito parlare DI Careem, una società simil-Uber, da un amico e ho pensato che sarebbe un modo "onorevole" per mantenere i suoi due figli, che sta crescendo da sola dopo la morte del marito due anni fa. Dignità al volante. Aveva appena denaRo a sufficienza per comprare una macchina e per ottenere la sua patente di guida, presa quest'anno.


Reuters spiega che Careem ha una quota di mercato più grande della rivale Uber nella maggior parte delle 32 città del Medio Oriente, Nord Africa e della regione del Pakistan in cui opera. La start-up è presente nelle città pakistane di Lahore, Islamabad e Karachi.

Il servizio taxi ha introdotto per la prima volta le donne al volante in Pakistan mercoledì in un'iniziativa rara in un paese musulmano profondamente conservatore dove le donne rappresentano solo il 22 per cento della forza lavoro. 

Quando Career ha aperto Zahra Ali aveva fatto richiesta di lavoro. Le fu detto che non c'era alcuna disposizione per conducenti donne. Poi il dietrofront. 

"Vogliamo dare alle donne le stesse opportunità e le stesse possibilità che gli uomini hanno di sfruttare la nostra piattaforma", ha detto il Direttore Generale Ahmed Usman.

Usman ha dato l'ok a sette donne che si sono qualificate per far parte della flotta.

"L'unica cosa che so fare è  guidare", ha detto alla Reuters Ali nella sua abitazione nella città di Lahore. "Ora posso crescere i miei figli con onore, posso dare ai miei figli una buona educazione." Pausa. "Le donne non sono deboli". 


Foto: Yasmin Perveen,una delle pioniere al volante.  REUTERS/Faisal Mahmood

La città meridionale di Karachi è tra i mercati più grandi di Careem, la domanda per taxi sicuri è particolarmente forte tra le donne, spiega il dg Usman.

Ed è proprio la sicurezza per le donne che ha spinto Aasia Abdul Aziz, 46 anni, a fare parte della flotta. Sarà difficile farsi -letteralmente- strada?  "Quando la gente inizia ad accettare qualcosa, quando il nostro pubblico si rende conto che le donne possono fare un certo lavoro e che lo stanno facendo in maniera encomiabile, penso che non sarà così difficile portare avanti il progetto." Una piccola rivoluzione per il Pakistan.

Ma la vera rivoluzione di questi taxi guidati da donne, e che posomo avere sia clienti maschili che femminili. Dov'è la novità?

Il precedente, il caso del Pink Rickshaw. La novità c'è, eccome. Solo un anno fa, nell'aprile 2015, nelle stesse zone in cui lavora Career arrivò fino in Italia la notizia di un risciò bianco e rosa guidato da una donna e riservato solo alle donne. A Lahore, nel Pakistan orientale, era una rivoluzione per la sicurezza. Fu promossa da Zar Aslam, una donna stanca di correre rischi per le strade della sua città. Le motivazioni erano sempre le stesse. Un tentativo, scriveva il giornale pakistano The News, di "rimuovere barriere culturali", un servizio che dà alle donne la sicurezza di spostarsi senza il rischio di molestie, l'opportunità di guadagnare e contribuire al bilancio familiare e anche di diventare indipendenti a livello economico diventando 'tassiste su tre ruote'. Un piccolo passo che ha spianato la strada alle sette donne che oggi guidano per uomini e per donne. Senza distinzioni. 

La mente corre ad Zahida Kazmi. Acclamata come la prima tassista donna del Pakistan. Ha iniziato nel 1992 all’età di 33 anni. Era appena diventata vedova e aveva sei figli da sostenere. 


Nonostante appartenesse a una famiglia conservatrice e patriarcale, Zahida decise di affrontare la situazione in modo indipendente, andando contro la volontà dei parenti.

Approfittò di un piano governativo che dà a chiunque la possibilità di comprare un taxi nuovo a rate accessibili. Con gli anni, Zahida è diventata una tassista rispettata e presidente dell’associazione pakistana dei taxi gialli. Nel 2015 ha lasciato questo lavoro per problemi di salute.

L'eco delle parole della nuova tassista pakistana Zahra Ali: "Le donne non sono deboli". Con la speranza di sentirne molte altre parlare così...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari