infolinks text ads

infolinks

La sindaca e il parroco di Empoli festeggiano con i musulmani la fine del Ramadan...




Brenda Barnini e don Guido Engels: La nostra presenza è un segnale di completa adesione a una idea di convivenza



Integrazione e rispetto per le diverse religioni, come del resto dice la Costituzione italiana. Ma di questi tempi anche un gesto di civiltà sembra rivoluzionario: il sindaco di Empoli (Firenze), Brenda Barnini, e il proposto della Collegiata di Sant'Andrea, Don Guido Engels, hanno preso parte ufficialmente alla preghiera finale del Ramadan che si è tenuta in un centro polivalente messo a disposizione dall'amministrazione municipale alla comunità musulmana locale. 
A entrambi è stata data parola al termine della celebrazione religiosa: "Solo se ci rispettiamo e conosciamo, nelle differenze, possiamo pensare a una convivenza pacifica e serena - ha detto il sindaco Barnini ai fedeli - e questo vale per tutte le religioni e le ideologie. La nostra presenza qua è un segnale di completa adesione a una idea di convivenza che deve essere per noi la normalità e purtroppo non lo è. La presenza di un sindaco qui da voi non deve far notizia". 
Ad accompagnare le massime cariche del municipio e della chiesa cattolica cittadina anche una delegazione composta dal presidente del consiglio comunale Roberto Bagnoli, rappresentanti della giunta e del consiglio comunale, oltre a circa duecento fedeli in preghiera tra cui giovani migranti arrivati da qualche mese.
Il ringraziamento dell'associazione islamica
"L’astinenza dal cibo e dal bere – hanno detto i rappresentanti dell'associazione islamica – è uno degli aspetti del Ramadam, ma il significato spirituale è predominante su quello materiale. L’attenzione del fedele alla pratica religiosa, alla lettura del Corano, alla meditazione, alla carità, alla solidarietà e all’aiuto dei più bisognosi è l’obbiettivo ed il fine nobile di questo mese. Aver contribuito mettendo a disposizione un ambiente capace di soddisfare l’esigenze di serenità e concentrazione necessarie nel momento dell’ultima preghiera giornaliera nella fase finale del Ramadam, è stata accolta da tutta la comunità Mussulmana di Empoli come un gesto di fratellanza e vicinanza"...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari