Netanyahu chiede la grazia per il soldato che ha ucciso un palestinese inerme...




Uccidere un palestinese, anche immobilizzato a terra, che non può fare alcunché, per la magistratura israeliana è reato. Per il governo di destra no.



Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu chiede la grazia per il soldato Elor Azaria. Ieri il sergente è stato condannato per omicidio colposo da un tribunale militare per aver ucciso nel 2016 a Hebron un palestinese che, dopo un’aggressione, era immobilizzato a terra. Una sentenza che ha fatto discutere, in parte ignorata dai media occidentali poco legalitari quando si tratta di giustizia a favore dei diritti del popolo palestinese. 
Ovviamente in Israele il caso Azaria ha profondamente diviso l’opinione pubblica israeliana. Una parte della società si rende conto che certi metodi brutali non aiuteranno mai il processo di pace in quei territori. Ma l'oltranzismo religioso predominante non ha a cuore alcuna soluzione pacifica, basta vedere la logica degli insediamenti dei coloni che hanno fatto storcere la bocca anche a Obama. 
Solo il presidente Reuven Rivlin può concedere la grazia ad Azaria...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari