UN TRANSGENDER SAUDITA RACCONTA LA SUA STORIA PER AIUTARE GLI ALTRI...




Salman al-Dukheil è nato femmina, ma grazie al sostegno della sua famiglia è diventato uomo e adesso vuole combattere la discriminazione in Arabia Saudita



"Quando sono nato, 28 anni fa, il mio nome non era Salman ma Salma. Quando sono nato ero una bambina”. A parlare è Salman al-Dukheil, un uomo transgender di nazionalità saudita.
Dukheil è stato cresciuto da genitori sauditi tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, e studia attualmente a Chicago.
È il più piccolo di cinque figli e quando ha condiviso con la propria famiglia la sua intenzione di cambiare sesso ne ha ricevuto il pieno appoggio. Così, si è sottoposto alla terapia ormonale e infine all’operazione di riassegnazione chirurgica.
Nel regno arabo degli al-Saud, la storia di questo studente di economia potrebbe costargli la prigione e una pena corporale in forma di frustate. 
È per questo che Dukheil ha tenuto a lungo segreta la verità sulla sua nascita, finché non ha compreso che raccontare la sua storia avrebbe potuto aiutare e incoraggiare altre persone.
In Arabia Saudita non esiste alcuna legge che punisca le persone transgender, tuttavia le autorità del regno hanno arrestato travestiti e ordinato la prigione e la fustigazione di persone accusate di comportarsi in maniera effeminata.
L’omosessualità, d’altra parte, è illegale e punita con la pena di morte.
Il regno arabo non è certo solo nel trattamento discriminatorio contro la comunità Lgbt: tra il 2008 e il 2015 oltre 2.000 persone sono state uccise in 65 diversi paesi per via della loro “discrepanza di genere”. In alcuni paesi tra cui Malesia, Kuwait e Nigeria, le persone transgender sono fuori legge mentre in ben 72 paesi l’omosessualità è illegale.
Per non parlare dello stigma e della violenza sociale che subisce la comunità Lgbt in diverse parti del mondo, anche quelle in cui, per gli ordinamenti giuridici, sarebbe vietata qualsiasi forma di discriminazione...
(The Post Internazionale)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA