Putin il più potente del mondo, poi Trump e Merkel...




La classifica annuale della rivista statunitense di economia e finanza Forbes, per ciò che vale. Putin per il quarto anno consecutivo come persona più potente del mondo, davanti al presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, e alla cancelliera tedesca, Angela Merkel. All’undicesimo l’unico italiano, Mario Draghi, ma perché guida la Banca centrale europea.



Dunque Vladimir Putin è da considerare la persona più potente del mondo seguito dal neo eletto presidente miliardario Usa Donald Trump. Quasi uno spreco gli studi di Forbes per definire il podio del potere planetario, con la Merkel al terzo posto. Qualche curiosità in per i potenti un po’ meno clamorosamente potenti. Ad esempio l’unico italiano Draghi all’undicesimo posto, ma perché guida la Banca centrale europea. per meriti. Più interessante vedere le ragioni della classifica per Forber che, ripetiamo, è rivista economica statunitense.
Il presidente russo, Vladimir Putin, è il più potente del mondo per il quarto anno consecutivo perché, «Dal suo Paese, fino in Siria, passando per le elezioni americane, Putin continua a ottenere quello che vuole». Non è titolo di merito ma valutazione di fatti. Bieco potere, a prescondere dal come esso viene esercitato.
Al secondo posto il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump, da poco incoronato anche persona dell’anno da Time. Buffa l’accoppiata di testa classifica, visto che per la vittoria di Trump si discute ancora su presunte interferenze da parte di Mosca.
La classifica è impietosa verso chi esce di scena: come nel caso di Barack Obama che, da uomo più potente del pianeta non molti anni fa, è scivolato ora al 48/mo posto.
Angela Merkel, ‘medaglia di bronzo’ quasi d’obbligo anche rispetto alla durata del suo incarico, con la prossima corsa ad un quarto mandato da Cancelliera- Oltre lei, solo altre due donne tra le prime 20 persone più potenti: Janet Yellen, che guida la Fed, la Banca centrale statunitense, al sesto posto, e Theresa May, la prima ministra del Regno Unito, che occupa la tredicesima posizione ed è uno degli 11 volti nuovi in classifica.
Ai piedi del podio, ci sono il presidente cinese, Xi Jinping, quarto, e papa Francesco, quinto. Al settimo posto c’è il fondatore di Microsoft, Bill Gates, al decimo Mark Zuckerberg, creatore di Facebook, e all’undicesimo l’unico italiano, Mario Draghi, che guida la Banca centrale europea; al quattordicesimo posto Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon.
Al ventiquattresimo posto c’è Rex Tillerson, amministratore delegato di ExxonMobil, appena scelto da Trump come prossimo segretario di Stato; al 48esimo posto -già visto- c’è il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama.
Curiosità: in tutto, Forbes ha selezionato 74 persone, ovvero una ogni cento milioni. Si potrebbe anche dire che Potere sta alla Democrazia in un rapporto di 1 a 100.000.000. Classica Forbes, sia ben chiaro...

(RemoContro)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA