infolinks text ads

infolinks

Le crisi dimenticate oltre il cortile di casa...




Anche nel 2016 l’Africa si conferma il continente con il maggior numero di “guerre di seconda fascia”, definizione militare, o di seconda categoria per l’attenzione e le sensibilità nel mondo occidentale. In Asia si torna a parlare del Kashmir, mentre l’Ucraina è un rebus che nessuno -neppure chi lo ha provocato- sembra più in grado di risolvere



Le guerre in Siria e Iraq, la crisi libica, la minaccia del Califfato Islamico di Abu Bakr Al Baghdadi e il rischio di attentati terroristici in Occidente -elenca LookOut– sono stati gli argomenti che hanno altri centinaia i focolai di tensione in giro per il mondo.
Nella classifica delle crisi dimenticate, storicamente e da sempre è l’Africa e il genere il sud del mondo, salvo l’Ucraina che è crisi provocata da seconda Guerra Fredda.
Nigeria, dopo l’affiliazione allo Stato Islamico Boko Haram ha rilanciato la sfida al presidente Muhammadu Buhari. I jihadisti hanno perso terreno nel nord-est del Paese ma restano una spina nel fianco per Abuja.


Somalia. I qaedisti di Al Shabaab hanno invece ormai preso il sopravvento in un’ampia parte della Somalia e con attacchi e attentati tengono sotto scacco anche il vicino Kenya.
                                          Somali soldiers patrol a street market

Sud Sudan, il più giovane Stato del mondo, gli accordi di pace tra il presidente Salva Kiir e il suo rivale Riek Machar, rappresentanti delle due etnie maggioritarie del Paese, i Nuer e i Dinka, non hanno portato ancora a una risoluzione del conflitto civile.
Repubblica Democratica del Congo, il presidente Joseph Kabila non intende dimettersi nonostante la scadenza del suo mandato.
                                          Congolese policemen drive past a fire barricade

Gambia, il presidente uscente Yahya Jammeh non intende riconoscere di essere stato sconfitto alle ultime elezioni presidenziali da Adama Barrow.
Repubblica Centrafricana, lo scontro tra i musulmani seleka e i cristiani anti-balaka ha prodotto migliaia di vittime nel silenzio dei media.
Mali, un Paese insicuro nonostante il massiccio dispiegamento di forze militari della Francia negli ultimi anni.
Sahel è terra di conquista di gruppi jihadisti affiliati ad Al Qaeda o di terroristi che cambiano ideologie, alleanze e nemici in base agli interessi del momento
                                    Kashmir. A demonstrator hurls a stone towards the Indian police

Asia Centrale negli ultimi mesi si è tornato a parlare del conflitto del Kashmir dopo che, a fine settembre, si sono verificati scontri tra miliziani pakistani e le forze armate indiane intorno alla “Linea di Controllo”, confine non ufficiale e mai riconosciuto dalle parti che separa la parte indiana della regione da quella pakistana.
Nagorno-Karabakh, nella regione nel sud del Caucaso, da anni oggetto di contesa tra Armenia e Azerbaijan, sono ripresi gli scontri nell’aprile scorso, e da allora la tensione è rimasta alta.
Ucraina, gli interessi di Stati Uniti e Russia hanno posto sotto i riflettori internazionali la crisi nel primo anno della guerra civile iniziata nell’aprile del 2014. Oggi caduta di interesse politico nonostante il numero dei morti abbia ormai superato quota 10mila.
                                         A Ukrainian serviceman fires a 2S7 Pion self-propelled

(RemoContro)



Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari