La mia vita come schiava sessuale dello Stato Islamico...






Lamiya Aji Bashar si sta abituando alla sua nuova vita in Europa dopo essere sfuggita agli aguzzini di IS che per due anni avevano fatto di lei una schiava sessuale.
Oggi, Bashar ritiene di sentirsi di nuovo al sicuro — persino felice. "Mi sento molto felice" ora che sono stata "liberata", ha raccontato la diciottenne a VICE News durante un incontro a Bruxelles due settimane fa.
È di giovedì l'annuncio che Bashar ha vinto il Premio Sakharov per la Libertà di Pensiero — il riconoscimento assegnato annualmente dall'Unione Europea ai difensori dei diritti umani e della libertà.
Da quando ad aprile è riuscita a fuggire da uno dei territori occupati da IS, mentre svolge un intenso programma di recupero in Germania, dove vive attualmente, Bashar ha iniziato a lavorare con l'attivista per i diritti umani Nadia Murad — anche lei yazida, anche lei ex-prigioniera di IS, e attualmente Ambasciatrice dei Sopravvissuti della Tratta degli Esseri Umani per le Nazioni Unite.
Le due ragazze sono note per il loro lavoro come portavoce della situazione critica della comunità Yazida, una minoranza religiosa irachena perseguitata da IS.
Tra coloro che hanno ricevuto il premio Sakharov in passato ci sono il blogger saudita incarcerato Raif Badawi e il dottor Denis Mukwege, un ginecologo che cura le donne che sono state stuprate dalle forze ribelli congolesi. Bashar, comunque, non ha mai desiderato nulla di tutto questo. Rinuncerebbe a tutto pur di tornare alla sua vecchia vita.
La ragazza era una dei circa 6.400 yazidi "fatti sparire" all'inizio di agosto 2014 durante un saccheggio di Koccho, in Iraq, da parte dei militanti di IS.
L'odissea di Bashar è stata particolarmente atroce. Aveva soltanto 15 anni quando è stata venduta e stuprata per la prima volta, e racconta che i suoi carcerieri le hanno detto che le loro azioni erano halal, cioè permesse dalla legge islamica.
Fino alla sua fuga all'inizio di quest'anno, è stata venduta cinque volte a uomini di IS di origine saudita, siriana e iraqena — l'ultimo, dice, un medico di Mosul.
Stando al governo regionale curdo, sono scomparse in tutto 3.543 donne durante il controllo di Sinjar da parte di IS.
Bashar veniva picchiata regolarmente, costretta a lavorare come schiava domestica per la famiglia del suo carceriere a Raqqa, e obbligata a lavorare in un magazzino di esplosivi, dove produceva cinture esplosive usando una pasta chimica mischiata con piccoli oggetti metallici, o "pezzi di ferro," ricorda.
IS continua a terrorizzare la sua famiglia ancora oggi. Sua sorella maggiore Shaha è ancora imprigionata a Raqqam, e alcune settimane fa uno zio ha ricevuto una chiamata da un militante di IS che offriva di rivendergliela per 40.000 dollari, senza i suoi quattro figli.
Shaha è stata catturata insieme alla sorella, ai loro genitori e a due fratelli. I suoi quattro figli piccoli - due femmine e due maschi - sono stati portati via con lei, ma sono stati tenuti separati durante gli anni della loro prigionia.
"Il combattente di Daesh ha parlato con mio zio; non potevamo pagare, e non potevamo nemmeno fidarci di lui," dice Bashar, usando il termine arabo per indicare il gruppo terroristico. "E mia sorella ha detto che non sarebbe venuta da sola senza i bambini (sic)."
"Ho paura" per la sua sicurezza, spiega Bashar, ma "voglio che queste zone siano liberate da Daesh."
I combattenti di IS di recente continuano a contattare le famiglie e le ONG yazide, offrendo di rivendere i famigliari, molti dei quali donne. "So di cinque o sei casi," spiega a VICE News il dottor Mirza Dinnayi, direttore di Air Bridge Iraq, un'associazione che assiste le vittime di traumi. Aggiunge che probabilmente ce ne sono molti di più.
Falah Mustafa Bakir, il ministro curdo per gli Affari Esteri, dice di aver sentito di altri casi simili. "Faremo tutto il possibile per salvarli vivi," spiega a VICE News. "Non si tratta di riscatti; faremmo il possibile per salvarli vivi." Quel "tutto il possibile" include usare immagini satellitari e la condivisione di informazioni per localizzare e salvare quante più donne e bambine yazide possibile.
Dopo diversi tentativi falliti, Bashar è finalmente riuscita a scappare dalla prigionia di IS ad aprile. Inizialmente è riuscita ad avere accesso a un telefono, che ha usato per contattare uno zio, che le ha dato indicazioni per uscire da Hawija, dove era tenuta prigioniera. È stata assistita da un trafficante a Mosul, con cui lo zio si era accordato per farla consegnare a un'altra famiglia nel territorio controllato dal governo. Hanno camminato per tutta la notte. Ha viaggiato per più di 24 ore con un'altra giovane donna yazida, prima che un ordigno improvvisato esplodesse vicino al fronte, uccidendo la sua compagna e ferendo gravemente Bashar. È stata salvata dal suo trafficante.
Ha ancora delle cicatrici permanenti sul viso e ha perso completamente la vista nell'occhio destro.
Poco dopo la sua fuga, si è recata in Germania per sottoporsi a un intervento fondamentale per salvare la vista nell'occhio sinistro. Continua a ricevere un trattamento laser per le cicatrici sul viso, oltre a un sostegno psicologico cruciale.
In Germania si è unita a due delle sue sorelle e alla matrigna, che hanno vissuto storie molto simili mentre erano anch'esse prigioniere di IS. Tutte continuano a ricevere assistenza per superare i traumi. Il visto tedesco di Bashar scade a febbraio, ma la sua famiglia ha iniziato le procedure che porteranno a ottenere il permesso di soggiorno. Nel frattempo, spera di poter tornare a scuola.
Bashar desidera fare ritorno all'infanzia che le è stata rubata, ma sa anche cosa rappresenta il premio che ha appena vinto. Spera che la vittoria possa fare luce sulle sofferenze del suo villaggio e della sua perseveranza.
"Questo premio potrebbe portare altre nazioni a pensare alle nostre madri e sorelle che sono ancora imprigionate e che soffrono ancora," spiega a VICE News. "Non è solo per me; è per tutto il mio villaggio e per le donne e le bambine yazide."...
(Vince News)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA