L'Isis fa strage ad Aleppo dei curdo-siriani e mostra i macabri 'trofei'...




Assaltata una colonna del Ypg che portava rifornimenti presso il villaggio di Um Al Amad.

                                                   I miliziani dell'Isis accanto ai cadaveri dei curdi



I curdo-siriani hanno tanti nemici. Erdogan e le  milizie pagate da Ankara che non perdono occasione per attaccarli.
E poi lo Stato Islamico, acerrimo dei nemico fin dai tempi dell'assedio di Kobane, che odia gli 'aposti e comunisti' del Rojava. Tanto più che sono i curdi coloro che li stanno sfidando sul fronte di Raqqa, dove le unità di protezione popolare (Ypg) e i battaglioni femminili (Ypj) avanzano per strappare allo Stato Islamico la cosiddetta capitale siriana del Califfato.
Intanto nell'area di Aleppo - dove operano milizie curde - lo Stato Islamico ha attaccato una colonna di curdi che portava rifornimenti presso il villaggio di Um Al Amad.
I jihadisti hanno fatto strage  dei combattenti curdi. E se ne sono vantati pubblicando le immagini della carneficina.
Immagini che fanno capire una volta di pià l'orrore dell'Isis e l'errore che fanno molti paesi nel lasciare i combattenti curdi isolati. Ypg e Ypj meritano maggiore appoggio da parte della comunità internazionale, perché non combattono solo per liberare quelle terre dall'Isis, ma per creare una società più giusta, rispettosa dei diritti umani, dei diritti delle donne e basata sul principio dell'eguaglianza.






(Globalist)


Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari