Migranti: Grecia, xenofobi attaccano campo rifugiati...






Un nuovo violento attacco xenofobo, con lancio di molotov, petardi e sassi ha colpito il campo di rifugiati di Souda sull'isola greca di Chios, dove da venerdì ci sono proteste contro i migranti. Circa 150 migranti rifugiatisi in Grecia dalla guerra siriana, sono stati costretti a fuggire. Lo scrivono vari media internazionali, fra cui la Bbc. Nell'assalto è rimasto ferito alla testa da una pietra un rifugiato. Distrutte una cinquantina di tende e baracche. 
    L'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati ha espresso "la sua forte preoccupazione" per le violenze avvenute contro il centro di rifugiati di Souda.  Gli attacchi notturni, con bottiglie incendiarie e lanci di pietre, hanno lasciato senza un posto per dormire un centinaio di persone, in gran parte famiglie. Molte tende sono state incendiate e danneggiate.
   Agli attacchi contro il campo di migranti di Chios che si susseguono da tre giorni sono sospettati di aver partecipato aderenti a Alba dorata, il partito di estrema destra greco. Lo dice al Guardian il sindaco dell'isola greca Manolis Vournous. Ci sono versioni contrastanti su come sono cominciati gli scontri mercoledì scorso. Secondo Vournous la tensione è esplosa dopo che alcuni algerini e marocchini hanno rubato alcool e fuochi d'artificio da un negozio, facendo temere agli abitanti lo scatenarsi di incidenti. Ma alcuni attivisti sostengono che l'escalation sia stata provocata dopo che alcuni aderenti ad Alba Dorata avevano progettato un attacco. Questa settimana una delegazione di parlamentari del partito estremista e di deputati dell'estrema destra belga hanno compiuto una visita di due giorni nell'isola.
    Chios accoglie circa 4.000 migranti. La lentezza delle procedure di registrazione e il timore dei migranti di essere rimandati in Turchia in caso la richiesta di asilo venga respinta accrescono le tensioni con la popolazione locale...
(ANSA)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari