Addio Aysa: nel cimitero dei martiri di Kobane i funerali di 'Cappuccio rosso'...




I genitori della ragazza sono riusciti ad arrivare dalla Turchia: Aysa era morta il 28 maggio a Raqqa combattendo contro l'Isis

                                                                        I genitori di Ayşe Denîz Karacagîl



Ayşe Denîz Karacagîl, conosciuta in Italia come "cappuccio rosso", anche se il syuo nome di battaglia era Destan Temmûz. Una storia che ha commosso il mondo o, almeno, quella parte del mondo che ha ancora a cuore la libertà e la democrazia.
Ayşe è morta il 28 maggio nei dintorni della città di Raqqa mentre - come componente delle unità femminili del Ypj - partecipava alla campagna lanciata dalle Forze democratiche siriane per liberare la città dal Califfato.
A Kobane, che è diventata la città simbolo della resistenza curdo-siriana all'avanzata dell'Isis, si sono svolti i funerali di Ayşe alla presenza dei genitori della ragazza (che era turca nata ad Ankara) che ieri erano riusciti ad oltrepassare il confine della Turchia fino ad entrare nel Rojava, ossia la provincia siriana a maggioranza curda.
Un ultimo saluto pieno di commozione al "Cimitero dei martiri Dajlah" che si trova a sud di Kobane.
Sì, perché Ayşe, come altri combattenti, è stata definita "martire". Ma nulla a che fare con i "martiri" dell'Isis, ossia i kamikaze che si fanno esplodere uccidendo spesso innocenti.
Ayşe Denîz Karacagîl non cercava la morte. Cercava la libertà per tutti gli oppressi. Propriop perché lei stessa era stata costretta a fuggire dalla Turchia per ripararsi dall'oppressione...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA