Il dramma degli indios venezuelani in Brasile: bambini morti, donne schiave sessuali...




Oltre 30 mila sono al confine tra i due paesi. A Manaus vivono in condizioni orribili e soggetti ad abusi

                                                            Venezuelani di etnia Warao accampati a Manaus



Globalist ne aveva già parlato l'altro giorno: l'Alto Commissariato Onu per i Rifugiati (Unhcr) ha inviato una missione di osservatori nel nord del Brasile, sulla frontiera con il Venezuela, dove si è accumulata una popolazione di circa 30 mila venezuelani, fra i quali centinaia di indigeni, fuggiti dal loro paese a causa della crisi economica. Tre bambini venezuelani dell'etnia warao sono morti - l'ultimo appena due giorni fa, per una polmonite- nei quattro ultimi mesi nei dintorni di Manaus, capoluogo della Amazzonia brasiliana, dove si è concentrato un gruppo di circa 400 indigeni, che vivono in condizioni precarie.
I principali problemi si sono registrati nello stato di Roraima, dove località come Pacarima (12 mila abitanti, sulla frontiera con la venezuelana Santa Elena del Uaire'n) sono prossime al collasso a causa dell'afflusso dei venezuelani, che mettono a rischio le strutture sanitarie ed educative del luogo.
A questi problemi si aggiunge un clima di crescente xenofobia contro i rifugiati venezuelani, e accuse di sfruttamento sessuale di donne del paese vicino, che sarebbero obbligate a prostituirsi in bordelli brasiliani...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA