Bruciati vivi da estremisti ebrei: la famiglia Dawabsheh fa causa a Israele...




Tre persone tra cui un bambino di un anno vennero uccise: Tel Aviv ha istigato la violenza e non ha protetto i palestinesi



La questione non è solo giuridica, ma ovviamente politica. Perché si tratta di rispettare i diritti di persone lasciate sole e per nulla tutelate dalle autorità: la famiglia palestinese Dawabsheh - di cui tre membri, tra i quali un neonato, furono uccisi nel luglio 2015 in un attentato incendiario di estremisti ebrei israeliani nel villaggio di Duma in Cisgiordania - ha deciso di citare in giudizio per danni il governo dello stato ebraico chiedendo una somma di 10 milioni di shekel (circa 2 milioni e mezzo di euro).
La famiglia ha sostenuto che il governo è responsabile per la morte di Saed, Riham e del loro figlio Alì di un anno, spiegando che Israele ha abbandonato il popolo palestinese, la sua sicurezza e ignorato l'istigazione contro di esso.
Da un punto di vista politico la richiesta è fin troppo fondata. Ma di mezzo c'è la magistratura israeliana. E allora chissà.
Ci voleva un tribunale internazionale me - come è noto - i crimini che acvcadono da quelle parti sono spesso giustificati...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari