infolinks text ads

infolinks

UN RAGAZZO DI 14 ANNI È STATO UCCISO DURANTE LE PROTESTE CONTRO IL GOVERNO IN VENEZUELA...




Si tratta della terza vittima dall'inizio delle manifestazioni causato dai colectivos, i gruppi armati pro-governativi



Henri Falcon, governatore dello stato venezuelano di Lara (centro ovest del paese), ha confermato che un ragazzo di 14 anni è stato ucciso durante le proteste antigovernative degli scorsi giorni. Si tratta del terzo morto durante le manifestazioni. Anche il 14enne è vittima dei colectivos, i gruppi armati pro-governativi.
Questi gruppi, ha detto Falcon, “vanno in giro in moto muniti di armi lunghe per terrorizzare la popolazione” e “sparano indiscriminatamente sulla gente” che si riunisce per contestare il governo.
I colectivos sono responsabili della morte del 14enne Brayan Principal, ucciso da uno sparo che l'ha colpito al petto, e di quella di Miguel Angel Colmenares, uno studente 36enne.
Secondo il quotidiano El Impulso di Barquisimeto – la capitale di Lara, dove sono avvenuti i fatti – il ragazzino si trovava accanto all'ingresso del complesso residenziale Yucatan quando i colectivos hanno tentato di di forzare l'ingresso per rubare le riserve di alimenti che dovevano essere distribuite alla popolazione.
Falcon ha detto che oltre ai due morti almeno 12 persone sono state ricoverate con ferite di arma da fuoco e ha chiesto al governo di Nicolas Maduro di fermare quelli che ha definito “i suoi gruppi paramilitari”, denunciando inoltre la presenza di “provocatori infiltrati” nelle manifestazioni di protesta.
Oltre ai due morti nello stato di Lara, i gruppi armati del chavismo sono stati anche accusati di essere responsabili dell'uccisione a Caracas di un uomo di 29 anni, che sarebbe stato raggiunto da uno colpo sparato a bruciapelo da due civili armati che erano a bordo di una motocicletta.
Il ministro venezuelano della Difesa, Valdimir Padrino Lopez, ha detto che chi protesta pacificamente contro il governo “non si tocca nemmeno con il petalo di una rosa”, ma “quando la protesta diventa violenta allora si perde il diritto di manifestare”. Padrino Lopez ha difeso il modo in cui la Guardia nazionale bolivariana, un corpo militare, ha gestito le proteste antigovernative degli ultimi giorni nel paese, sottolineando che i suoi uomini non scendono in piazza con armi da fuoco.
Il ministro ha denunciato che esiste una “campagna nazionale ed internazionale” contro i militari venezuelani, che vengono dipinti “come dei gorilla” e ha accusato i dirigenti oppositori di incitare alla violenza durante le manifestazioni contro il governo di Nicolas Maduro.
Il dirigente oppositore Carlos Vecchio ha risposto a queste dichiarazioni di Padrino Lopez chiedendo al ministro se “i manifestanti non si toccano con il petalo di una rosa, allora perché le forze armate non arrestano i colectivos paramilitari, accusati di aver ucciso almeno tre persone nelle ultime 24 ore. Sarebbe ora che i militari fermassero i colectivos paramilitari di Maduro”, ha detto Vecchio in una serie di messaggi su Twitter.
Le ultime proteste contro il governo sono state scatenate dalla decisione presa il 7 aprile di interdire l'accesso agli uffici pubblici del leader dell'opposizione Henrique Capriles per 15 anni...
(The Post Internazionale)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari