Quando sono stata colpita: le vittime delle armi si mostrano...




La fotografa Kathy Shorr ha realizzato un progetto con 101 immagini di vittime delle armi negli stati Uniti

                              Karina Sartiaguin, in sedia a rotelle dopo essere rimasta in mezzo a una sparatoria



La fotografa Kathy Shorr. Ha realizzato un progetto in cui racconta le storie di 101 vittime statunitensi dell'uso indiscriminato delle armi.

Racconti e immagini che ora fanno parte di un libro che sensibilizza contro la violenza e la diffusione di pistole e fucili.

Cori Romero (sotto): colpita al collo mentre era ferma ad un semaforo e tornava a casa. Non si è mai capito chi avesse sparato e perché. Forse un protiettile vagante.


Sahar Hoshakhlagh, passeggiava con la cugina a Times square a New York quando è stata raggiunta da un proiettile: un poliziotto aveva sparato durante un inseguimento


Sara Cusimano. Era in macchina con la madre, quando è arrivato un ladro, si è impossessato dell'auto e ha guidato fino in un campo dove l'ha violentata. Poi le ha sparato a bruciapelo in fronte per ucciderla. Sara è viva davvero per miracolo.


Megan Hobson si è trovata in una sparatoria ed è stata colpita da una mitraglietta Ak-47 che ha crivellato di colpi la sua auto. Da allora cammina zoppicando. Forse si è trovata in mezzo all'iniziazione di qualche gang

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA