Amnesty, pena di morte: esecuzioni segrete in Cina...




Il governo cinese mente sui dati delle esecuzioni: Usa per la prima volta fuori dalla lista dei primi 5 paesi al mondo.

                                                                        Protesta Amnesty International



Per la prima volta dal 2006, gli Stati Uniti non sono nella lista dei primi cinque Paesi al mondo per numero di esecuzioni. Le 20 condanne del 2016 rappresentano il numero più basso dal 1991. Lo ha rilevato il rapporto annuale di Amnesty International sulla pena di morte, anche alla fine del 2016, nei bracci della morte si trovavano ancora 2832 detenuti in attesa dell`esecuzione.

La grande denuncia quest’anno arriva nei confronti della Cina che continua a non pubblicare i dati, mentre gli Stati Uniti registrano una storica diminuzione delle condanne a morte. Secondo il rapporto pubblicato da Amnesty International, esclusa la Cina, nel 2016 sono state effettuate 1032 esecuzioni. Cina, Iran, Arabia Saudita e Pakistan sono responsabili dell’87% delle condanne capitali. Ma Amnesty denuncia centinaia di casi documentati di pena di morte che non sono presenti nel registro giudiziario online di Pechino.

La Cina continua a essere al primo posto e ogni anno vengono messe a morte migliaia di persone ma le esecuzioni sono segrete. Un`approfondita ricerca, pubblicata insieme al rapporto di Amnesty, evidenzia il modo in cui le autorità di Pechino tengono segreto lo scioccante livello di esecuzioni, nonostante proclamino continuamente che sono in corso passi avanti in direzione della trasparenza.

Negli Stati Uniti invece, se da un lato il dibattito sulla pena di morte sta chiaramente cambiando direzione, la diminuzione delle esecuzioni si deve anche alle dispute legali sui protocolli d`esecuzione e ai ricorsi sull'origine delle sostanze usate nell`iniezione letale. L`esito di questi ricorsi potrebbe però produrre un nuovo picco di esecuzioni, a partire dall`Arkansas nel mese di aprile, con sette esecuzioni previste in 10 giorni.

L'anno scorso solo cinque stati negli Usa hanno eseguito condanne a morte: Alabama (2), Florida (1), Georgia (9), Missouri (1) e Texas (7). L`80 per cento delle esecuzioni ha avuto luogo in due soli Stati, Georgia e Texas. Sono 12 invece, compreso l`Arkansas, gli Stati che mantengono la pena capitale ma che da almeno 10 anni non eseguono condanne a morte.

“Quello che chiediamo al governo cinese è molto semplice: di giocare pulito, di pubblicare tutte le informazioni in loro possesso sulla pena di morte – dice William Nee responsabile della ricerca di Amnesty per la Cina – Le Nazioni Unite lo stanno chiedendo da 40 anni e la Cina stessa ha detto di voler essere più aperta. Vogliono pubblicare i documenti tenuti ancora segreti”.

A livello globale le esecuzioni diminuiscono soprattutto in Iran e in Pakistan, ma crescono nel sud est asiatico: negli ultimi tre anni il Vietnam è stato il terzo paese al mondo, dopo Cina e Iran, per numero di esecuzioni...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA