#Sfidaaccettata, cosa significa la catena su Facebook e perchè stiamo sbagliando...






Come nasce la catena con l'hashtag che si legge in questi giorni sui social media italiani

#Sfidaaccettata è uno degli hashtag più popolari su Facebook in questi giorni. La maggior parte delle persone posta una foto di 20 anni fa, oppure di quando erano piccoli o immagini in bianconero. Il problema della versione italiana di #sfidaaccettata è che nulla c’entra con il significato originale di questa catena, nata in Spagna diversi mesi fa. A settembre 2016, come ha evidenziato un post molto condiviso di David Di Tivoli, sui social media italiani erano già comparse foto ispirate alla catena spagnola, da noi diventata #Sfidaaccettata, creata per condividere foto delle persone che si sottopongono a chemioterapia, e che non si vergognano nel mostrare gli effetti della lotta contro il cancro. Le foto in bianconero, che sembrano antiche, vogliono evidenziare il grigiore della chemioterapia, ma al contempo come non si debba perdere la speranza. Le immagini da piccoli, da adolescenti o del passato non c’entrano nulla con la catena originaria. Ecco il post di David Di Tivoli.#sfidaaccettata
“Sfida accettata”, LO STAI FACENDO MALE. Ho chiesto a un paio di persone “Ma che significa esattamente questa sfida?”, e la risposta è stata più o meno “Ma che ne so, stanno tutti a postà foto de quando erano piccoli, l’ho fatto pure io!”. L’idea però alla base della campagna forse non la immagini nemmeno, visto che in teoria servirebbe a sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione contro il cancro. La sfida consiste nel cambiare la propria immagine del profilo, postando un selfie in bianco e nero con sopra la dicitura “Sfida accettata”. ***PERCHE’?*** E’ un modo che il web ha trovato per mostrare il grigiore di quando si è costretti a sottoporsi a pesanti cicli di chemio e a soffrire per il cancro. Insomma, serve a riflettere su un certo argomento, non di certo a mostrare che a 15 anni già giravate col culo di fuori ed eravate i primi al mondo a farsi i selfie. Il messaggio è infatti sfuggito a molti (sarebbe meglio dire a tutti), che hanno cominciato ad utilizzare la frase solo per postare foto in bianco e nero (e poi a colori ma da piccini), senza però capire il senso della catena. Na cosa nuova… E magari sono gli stessi che quando una bella figa pubblica una foto con tette di fuori scrivendo “La bellezza è quella che abbiamo dentro”, la prendono anche per il culo. E ora continuate pure…
(Giornalettismo)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari