Pakistan: abusi e violenze contro 600 mila rifugiati afghani...




Human Rights Watch ha denunciato anche la complicità delle Nazioni Unite



Una accusa molto circostanziata: il Pakistan si è reso protagonista negli ultimi mesi, a partire da luglio 2016, di «una campagna di abusi e minacce» per spingere fuori dal Paese quasi 600.000 rifugiati afghani. È quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi dalla ong Human Rights Watch (Hrw).
Nel documento di 76 pagine intitolato 'Coercizione del Pakistan, complicità dell'Onu: Il ritorno forzato in massa dei rifugiati afghani', Hrw precisa che fra di essi vi sono anche 365.000 rifugiati registrati, e che questo fenomeno rappresenta «il più grande rientro forzato in massa del mondo di rifugiati degli ultimi anni».
Stigmatizzando gli abusi commessi dal Pakistan e il ruolo complice dell'Alto Commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr) nel promuovere l'esodo, il rapporto assicura che i rifugiati devono affrontare in Afghanistan «il crescente conflitto armato, la violenza, l'indigenza e la precarietà della sistemazione».
Hrw sostiene infine che l'Onu e i Paesi e organismi donatori internazionali «dovrebbero esercitare pressioni sul Pakistan affinché si metta fine agli abusi, si proteggano i restanti 1,1 milioni di rifugiati esistenti e si faccia in modo che quanti si trovano in territorio pachistano fra i 750.000 rifugiati non registrati possano poter chiedere protezione»...

Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA