India, milioni di bambini sfruttati...






Secondo i dati diffusi dall’Unicef, sono 150 milioni i bambini che, nel mondo, sono costretti a lavorare rischiando la propria salute fisica e mentale. Sebbene siano i Paesi dell’Africa Subsahariana a detenere il record dello sfruttamento minorile, con il 28% di baby lavoratori sul totale dei bambini di età compresa tra i cinque e i quattordici anni, l’India resta uno dei Paesi dove questo problema è maggiormente avvertito.

I numeri dello sfruttamento

Nonostante il governo abbia cercato, negli anni, di arginare il fenomeno, resta alto, infatti, in India, il numero di bambini costretti a passare ore nelle miniere o nelle fabbriche, svolgendo lavori usuranti fin da giovanissimi. Il 10% dei bambini di età compresa tra i cinque e i quattordici anni è un lavoratore. Più di dieci milioni di bambini sono costretti a lavorare. Di questi, 8 milioni vivono nelle aree rurali, mentre 2 milioni risiedono nelle grandi città del Paese. Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, più della metà è impiegato nel settore agricolo e oltre un quarto in quello industriale. I numeri forniti dall’associazione Bachpan Bachao Andolan, fondata nel 1980 dal Premio Nobel per la Pace, Kailash Satyarthi, descrivono, però, un fenomeno ancora più ampio. Secondo l’associazione di Satyarthi, attivista per i diritti umani impegnato da anni nella lotta contro il lavoro minorile, che finora ha liberato più di 85mila bambini dallo sfruttamento, un’analisi più approfondita dei dati mostrerebbe che almeno 11,7 milioni di bambini in India lavorano o sono in cerca di un impiego. Secondo i dati forniti dalla stessa associazione sono più di trenta milioni, inoltre, i bambini che non vanno a scuola e che quindi risultano esposti al rischio di essere sfruttati. L’industria tessile, le fabbriche di scarpe, borse e cosmetici, sempre secondo la BBA, sono i settori dove i bimbi sono maggiormente impiegati. Ma migliaia di baby lavoratori sono costretti anche a passare ore nelle miniere, nelle fabbriche di mattoni, negli hotel, nei negozi e nei ristoranti, o nelle fabbriche di bracciali, dove i piccoli vengono preferiti perché sono più abili e veloci nell’incollare le piccole pietre sui monili tanto amati dai turisti. Povertà, analfabetismo, mancanza di informazione sulle conseguenze per la salute dei lavori pericolosi e usuranti, sono fra le cause dello sfruttamento che, secondo l’Unicef, è maggiormente diffuso negli Stati dell’Uttar Pradesh, Bihar,  Rajastan, Madhya Pradesh e Maharashtra. Secondo altri attivisti,invece, sarebbero gli Stati meridionali di Telangana e Andhra Pradesh, ad essere divenuti dei veri e propri hub per il traffico di minori e per lo sfruttamento del lavoro minorile...
(Gli Occhi della Guerra)


Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari