I mercanti di essere umani e la loro vittima...




Il corpo di un migrante affogato al largo della Libia e sepolto in un cimitero improvvisato di morti senza nome



Siamo a Sabratha, in Libia. Porto da dove partono decine di migranti, ingannati e sfruttati dai moderni mercanti di essere umani.
Per molti di loro c'è la morte. Per pochi c'è un futuro migliore.
Per i morti, tante volte, non c'è nemmeno una sepoltura. Molti sono ingoiati dal mare e i pochi restituiti alla riva dalle onde sono sotterrati come capita. Magari in riva al mare. 
Così, in un gesto di pietà, i corpi di alcuni migranti sono stati composti e  sotterrati in un'area trasformato in un cimitero di morti senza nome...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA