La deputata filo-curda Leyla Zana accusata di terrorismo...




La militante dei diritti umani arrestata e poi rilasciata ma in libertà condizionata a Diyarbakir



La repressione di Erdogan non ha confini: è stata arrestata e poi rilasciata, ma in libertà condizionata, la deputata del partito filo-curdo Hdp, Leyla Zana, militante della causa curda in Turchia, fermata questo a Diyarbakir, nel sud-est del Paese, con l'accusa di "essere membro dell'organizzazione terroristica armata" Pkk.
Leyla Zana, già vincitrice del premio Sakharov per la libertà per la sua difesa dei diritti umani avrà anche l'obblico di firma. Sotto accusa per un discorso fatto in pubblico nel marzo del 2016 dove per i giudici turchi avrebbe fatto affermazioni sovversive e filo-terroriste mentre, in realtà, esprimeva la sua opinione.
Solamente ieri, un'altra deputata dell'Hdp, Dilek Ocalan nipote del leader del Pkk in prigione Abdullah 'Apo' Ocalan, era stata trattenuta per alcune ore dalla polizia dopo essere stata fermata all'aeroporto Ataturk di Istanbul mentre era in partenza per una manifestazione a Milano.
 Attualmente, i parlamentari curdi detenuti sono 12, tra cui i co-leader Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag...

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari