Epidemia di morbillo in Romania: 14 bambini morti e 2.300 contagiati...






(askanews) - Nell'ultima settimana sono stati registrati 14 decessi di bambini per il morbillo. L'ultima vittima ha 8 mesi, secondo quanto si apprende dalla stampa romena che segnala che il vaccino è irreperibile nonostante il ministero della Salute abbia registrato negli ultimi sette giorni 2.300 casi di contagio e abbia fornito 300mila dosi.
Il Centro nazionale di sorveglianza e controllo per le malattie infettive ha pubblicato venerdì scorso gli ultimi dati ufficiali, secondo cui in Romania la settimana scorsa si contavano 2.319 casi di morbillo e tra questi ci sono stati 14 morti. Il neonato di otto mesi, morto all'ospedale "Victor Babes" di Timisoara lunedì sera, ha sofferto di un'insufficienza respiratoria e complicazioni polmonari, è stato ricoverato e ventilato meccanicamente.
Nella provincia di Arad sono state confermate cinque vittime dell'epidemia, a Timis e Dolj altre tre, due a Caras-Severin e una a Bucarest. Si sospetta che ci sia una quindicesima vittima ma si attendono gli esami di laboratorio per stabilire la causa della morte.
L'epidemia è stata confermate in 34 dei 41 distretti in cui è suddiviso il Paese, la maggioranza dei casi, però, si concentrano ad Arad (519), Caras-Severin (491) e Timis (325), tutti e tre nella zona occidentale del Paese al confine con la Serbia e l'Ungheria.
La sezione pediatrica dell'Ospedale Judetean di Resita è stato messo in quarantena per l'alto numero di contagi: 60 bambini hanno manifestato i sintomi del morbillo e due sono morti. A causa dell'elevato numero di vittime dell'epidemia è stato limitato anche il numero dei visitatori ammessi.
In Romania le vaccinazioni non sono obbligatorie e recentemente è cresciuto il fronte dei genitori che decidono di non vaccinare i propri figli. Esiste un calendario di vaccinazioni gratuite e raccomandate, come quelle nei primi giorni di vita contro l'epatite B, a due mesi l'esavalente e l'anti-pneumococco (che può fare il medico di famiglia), a un anno il vaccino contro parotite, rosolia e morbillo.
In seguito al verificarsi dell'epidemia di morbillo il ministero della Salute romeno ha modificato lo schema di vaccinazioni e ha anticipato la prima dose del vaccino contro morbillo, rosolia e parotite a nove mesi invece che a un anno di età. "Ci sono 300mila dosi di vaccino a livello nazionale che saranno distribuite a i medici di base", ha spiegato il portavoce del minsitero Valentin Popescu invitando alla vaccinazione.
E mentre ancora non si parla di psicosi o di emergenza, resta alta l'allerta anche per i Paesi vicini. Alla fine del 2016 l'Oms e l'Unicef avevano alzato il livello di allarme sull'Ucraina e sui Paesi dell'Europa centro-orientale. In particolare l'Unicef e l'Oms avevano avvertito il governo di Kiev di ripristinare lo schema di vaccinazioni obbligatorie, il più scarso a livello mondiale, per evitare possibili epidemie di polio, rosolia e morbillo all'inizio del 2017...

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA