Asilo negato: 36 minori di Calais fanno causa a Londra...




Tra i 14 e i 17 anni, molti di loro hanno visto rifiutare la domanda mentre altri sono in attesa di una risposta dall'Home Office.



Dalla giungla di Calais a quella della burocrazia. Ci sono quelli che ce l'hanno fatta. Che sorridono lontani da Calais. E ci sono quelli che, dopo lo sgombero, non avevano neanche un posto in cui dormire. Oggi, ci sono quelli che aspettano, ma non si arrendono. Sono 36 i minori che vivevano nel campo profughi di Calais ad aver avviato una azione legale contro il governo britannico. Si tratta di ragazzi la cui età è compresa tra i 14 e i 17 anni e accusano, tramite i loro legali, il ministro degli Interni britannico, Amber Rudd, di aver agito in modo illegittimo nel gestire le loro richieste di asilo in Gran Bretagna. Secondo il Guardian, 28 di loro si sono già visti rifiutare la domanda mentre gli altri sono in attesa di una risposta dall'Home Office.

I minori si trovano in diversi centri di accoglienza sparsi in Francia e arrivano in maggioranza da Eritrea, Afghanistan e Sudan. Si tratta dell'ennesimo segnale negativo della tardiva quanto scarsa politica di sostegno ai bambini migranti mostrata dal governo di Theresa May, che su questo dossier è stato duramente criticato...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA