Rifiutano di fare le kamikaze: l'Isis giustizia le miliziane della brigata femminile...





Notizie che aggiungono ulteriore orrore a margine della battaglia di Mosul



La notizia era già circolata, anche se i particolari che giungono sono agghiaccianti: lo Stato Islamico ha istituito un'unità di "polizia" con il compito di far rispettare il rigoroso codice dei costumi cui sono sottoposte le donne che vivono sotto il tallone del Califfato.
Un battaglione diventato sinistramente famoso per aver duramente punito le donne considerate "poco modeste". 
Ma ora queste donne sembrano scomparse, almeno nella zona di Mosul.
Stando ad alcune fonte locali, i jihadisti dello Stato Islamico hanno giustiziato alcune di queste miliziane perché si sono rifiutate di partecipare ad azioni suicide.
L'ultimo caso nel quartiere di el-Dawasa, nella parte overt di Mosul, dove una donna accusata di aver tradito il giuramento di fedeltà ad al-Baghdadi è stata ucciso per non aver voluto fare la kamikaze.
Avevano aderito allo Stato Islamico (chissà se per convinzione o costrizione) ma adesso le donne della brigata femminile devono solo scegliere come morire: in una azione suicida o uccise con un colpo di pistola in testa dallo stesso Isis...

(Globalist)

Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA

Post più popolari