Svizzeri minacciati: non venite a fare la spesa in Italia o...




Clima pesante alla frontiera dopo il referendum sui frontalieri che penalizza gli italiani



Dopo il referendum del Canton Ticino che pone limiti per i lavoratori stranieri, gli svizzeri devono fare i conti con un’anonima minaccia apparsa su tutte le automobili con targa svizzera, posteggiate di fronte a un supermercato di Como. Poche ma chiare parole: "Vi piace venire in Italia a fare la spesa perché costa meno? Ecco allora, visto che non ci volete a lavorare in Svizzera (visto l’ultimo referendum) siete pregati di fare la spesa a casa vostra. I supermercati li avete. Dalla prossima volta che vi vediamo a comprare in Italia vi squarciamo le gomme della macchina e non solo…".


Il supermercato in cui è comparsa la minaccia è infatti molto vicino al confine tra Italia e Svizzera ed è spesso frequentato da abitanti del Canton Ticini, soprattutto perché il cambio favorevole permette loro di risparmiare centinaia di euro. Il clima è quindi teso, il recente esisto della consultazione referendaria al grido di “Prima i nostri” ha stabilito come, a parità di condizioni, in caso di assunzione debba essere favorito un cittadino elvetico, rispetto a uno straniero. L’esito del referendum dunque colpisce direttamente i frontalieri italiani, che non appena sarà attuato il provvedimento rischiano di trovarsi senza lavoro...

(Globalist)


Commenti

UNA SCUOLA PER ATMA